Bufale e Fake news: sinonimi completamente differenti

La maggior parte delle persone utilizza i due termini come sinonimi. Eppure, bufala e fake news hanno un significato radicalmente differente, sebbene entrambe veicolino notizie false in Rete. La diversità sta nella logica e nell’obiettivo che le muovono. La bufala ha una motivazione per lo più economica: diffonde una news falsa facendo leva su sospetti o teorie insensate per monetizzare il traffico online. Spesso si lega a temi di politica e attualità, ma generalmente non ha una motivazione politica. Al contrario accade per la fake news, imprescindibilmente legata alla politica e alla sua retorica, con l’unico scopo di diffondere ad[…]

Read more

Non c’è comunicazione senza pubblicità. E viceversa.

Difficile stabilire quando la pubblicità sia nata. La promozione di attività, di beni e servizi nasce probabilmente con l’uomo, e fin dall’antichità le insegne sulle botteghe degli artigiani e le frasi urlate da venditori ambulanti ne rappresentano un esempio. E’ tuttavia con la nascita della stampa che si consolida un mercato destinato a espandersi e a diventare indispensabile nel settore dell’informazione. Già nel 1863 Attilio Manzoni fondò la prima concessionaria, che al concetto di pubblicità seppe affiancare quello di creatività. Il sentiero era dunque tracciato, e nel corso dei decenni è riuscito con eccellenti risultati a innestarsi sui diversi strumenti[…]

Read more

Come parlano i giovani sui social

In principio furono gli SMS, nel 1993. Fu poi la volta di Messenger nel 1999, di My Space e Skype nel 2003. Nel 2004 nasce Facebook, destinato dopo 15 anni a colonizzare pc, smartphone e giornate di milioni di utenti. E ancora Twitter, Instagram, Pinterest. E’ la breve storia dei social network, dalla fase embrionale alle più complesse versioni moderne, che cambiano non soltanto i concetti di distanza e simultaneità, ma trasformano i rapporti, le modalità di approccio, gli scambi interpersonali, i focus degli incontri, le modalità comunicazionali. Il linguaggio. Quello dei giovani naturalmente, di allora come di oggi. Le[…]

Read more
I 60 anni di Europa visti nei social network - Data Stampa

I 60 anni di Europa visti nei social network

Le discussioni nei social network sui “Trattati di Roma” prima, durante e dopo l’evento centrale delle celebrazioni, come si sono sviluppate? Quali sono stati i principali protagonisti? Abbiamo così analizzato Twitter e Facebook dalla mezzanotte del 20 marzo alla mezzanotte del 26. Come avviene sempre in queste occasioni da “notizia”, Twitter si è dimostrato, fra i due, il social network più vivo con oltre 232 mila messaggi, che hanno generato una viralità (insieme fra commenti, like e retweet) di oltre 412 mila elementi. Facebook, dal suo canto, pur generando un numero inferiore di post e commenti, si è dimostrato ancora una[…]

Read more