Romics ottobre 2017

Tutti i numeri web e social del Romics

Romics chiama, Roma risponde: come sempre. E’ ormai un appuntamento tra i più attesi della Capitale, garanzia di successo e di pubblico. Ne parla la stampa, ne parlano le tv, ma sono i giovani e i meno giovani a rendere la manifestazione tra le news più condivise dell’anno. Naturalmente, attraverso i social network.

Anche per questa edizione, attraverso il settore web e social, Data Stampa “misura” la popolarità della kermesse dei fumetti, e dà i numeri. Tra il 2 e il 9 ottobre sono stati oltre 3000 i tweet, 1700 i post Facebook, 1200 le condivisioni su Instagram, 261 articoli online, 55 lanci su Youtube. E’ instagram il social che genera maggiore viralità, con oltre 63mila azioni di engagement (tra like, condivisioni, commenti); seguono Facebook  con 6mila; il web con 4200; Twitter con 3700; youtbe con 1300.

Dati elevatissimi, cifre che confermano la popolarità del Romics e l’interesse per un settore, quello dei fumetti, che non è appannaggio solo dei più piccoli.

Non sorprende che siano stati gli Youtuber a infervorare gli animi e a imporsi come protagonisti indiscussi sulle pagine social degli utenti: non sorprende perché sono stati gli organizzatori stessi a puntare sui loro nomi, i loro volti, e il pubblico che li segue sulla piattaforma online. Gli Youtuber, la loro partecipazione, i loro scatti, le loro performance risultano ai primi posti nelle condivisioni degli utenti. E’ il caso di Luca Rossi su Twitter, di Matt Zero su Instagram, di Sespo Vlogs su Youtube. E tra i siti web più cliccati si segnalano: www.romics.it; www.vivaticket.It; www.romatoday.it; www.ansa.it; www.animeclick.it.

Per quanto riguarda i profili social più influenti spiccano EMP Mailorder Italia, il Romics Official, Diabolik-Il re del terrore, onda di sushi, Lacrima. Emanuele Carioti è risultato il giornalista che ha generato post con maggiore viralità, mentre tra i profili “Vips” si segnalano quelli di Sky Tg 24, di J-POP Manga e di Sio FanPage, La Repubblica XL.

 

Per vedere l’intero report cliccare qui.