Come parlano i giovani sui social

In principio furono gli SMS, nel 1993. Fu poi la volta di Messenger nel 1999, di My Space e Skype nel 2003. Nel 2004 nasce Facebook, destinato dopo 15 anni a colonizzare pc, smartphone e giornate di milioni di utenti. E ancora Twitter, Instagram, Pinterest. E’ la breve storia dei social network, dalla fase embrionale alle più complesse versioni moderne, che cambiano non soltanto i concetti di distanza e simultaneità, ma trasformano i rapporti, le modalità di approccio, gli scambi interpersonali, i focus degli incontri, le modalità comunicazionali. Il linguaggio. Quello dei giovani naturalmente, di allora come di oggi. Le[…]

Read more
L’online non ha celebrato i funerali della carta stampata

L’online non ha celebrato i funerali della carta stampata. E non lo farà.

«Se la storia del libro ci insegna qualcosa, è che i nuovi media non rimpiazzano quelli precedenti». Basterebbe questa semplice dichiarazione dello storico Robert Darnton a spazzare via ogni dubbio di fronte alla profezia di Philip Meyer nella sua più famosa opera “The vanishing newspaper” : «Il primo trimestre del 2043 sarà il momento in cui l’ultimo, esausto lettore getterà via l’ultimo, raggrinzito quotidiano». Eppure il dibattito resta aperto da anni, a smentire l’una o l’altra tesi e senza mai arrivare a una definitiva e convincente risposta. Ha provato a mettere un punto  il confronto organizzato a Torino dalla Stampa in occasione[…]

Read more
Dall’addetto stampa all’influencer - data stampa

Dall’addetto stampa all’influencer: tutto cambia per non cambiare mai

Cambiano definizioni e nomi, ma il mestiere è sempre lo stesso. Dal pr e addetto stampa all’influencer digitale lo scarto, di primo acchito, può sembrare incolmabile: per tecnologie, per linguaggio, per pubblico di riferimento, per strategie. Eppure è il messaggio, nella comunicazione aziendale/istituzionale, a farla da padrone, e il messaggio è sempre lo stesso: diffondere attività, reputazione, interventi del soggetto che si desidera comunicare. Nella visione comune, si considera influencer un utente con migliaia di “fans” disseminati tra i vari social network. Ogni volta che condivide un post, un articolo, una foto o un video riesce a ottenere moltissime visualizzazioni[…]

Read more
Romics 2017 - Cover Analisi web e social

Romics 2017 – Report Analisi Web e Social

Dal 6 al 9 aprile si è svolta a Roma la XXI edizione di Romics, l’evento dedicato agli appassionati di comics, videogiochi, cinema e serie TV. Lo staff Web e Social della Data Stampa, azienda specializzata nel monitoraggio dei media, tramite la piattaforma proprietaria Picoweb, ha analizzato il flusso web e social delle keywords Romics, #Romics, #Romics2017, #RomicsXXI Il totale di articoli, tweet e post esaminati sono stati 7.723 che hanno generato una viralità pari a 50.200 ((somma di post/tweet, condivisioni/retweet, commenti e like). Il media più utilizzato è stato Twitter con 5.302 items. Insieme alle keywords e hashtag dedicati[…]

Read more
I 60 anni di Europa visti nei social network - Data Stampa

I 60 anni di Europa visti nei social network

Le discussioni nei social network sui “Trattati di Roma” prima, durante e dopo l’evento centrale delle celebrazioni, come si sono sviluppate? Quali sono stati i principali protagonisti? Abbiamo così analizzato Twitter e Facebook dalla mezzanotte del 20 marzo alla mezzanotte del 26. Come avviene sempre in queste occasioni da “notizia”, Twitter si è dimostrato, fra i due, il social network più vivo con oltre 232 mila messaggi, che hanno generato una viralità (insieme fra commenti, like e retweet) di oltre 412 mila elementi. Facebook, dal suo canto, pur generando un numero inferiore di post e commenti, si è dimostrato ancora una[…]

Read more