LO STORYTELLING: RACCONTARE STORIE PER COMUNICARE

“Non c’è dubbio: la narrativa fa un lavoro migliore della verità” (Doris Lessing). La citazione dice già tutto. E racchiude in sé il “miracolo” che compiono letteratura, cinema, fiction. Quel patto segreto tra lettore/spettatore che traspone nelle parole e nelle immagini il racconto della vita, di un personaggio, di una storia. Un patto che funziona e che non ha bisogno di autodefinirsi: il protagonisti del libro sono io, l’attore sta vivendo in un mondo che potrebbe appartenermi. La comunicazione contemporanea – che non può prescindere dal riflettere su se stessa a ogni “rivoluzione” che la riguardi – ha ben presente[…]

Read more

Lo Spin doctor e il colpo ad effetto

Letteralmente è “l’esperto del colpo ad effetto”. In pratica, è l’uomo che più di tutti deve “mantenere la calma”. La figura in questione è quella dello Spin doctor, che, per contratto, si occupa di organizzare e curare la strategia d’immagine di un personaggio pubblico. Tocca a lui fare gol, mettere a segno le mosse vincenti, “schierare” la formazione giusta, “aggiustare il tiro” e trasformare qualunque notizia, anche la più nociva per il proprio “cliente”, in un punto a favore. Uno dei primi Spin doctor fu Edward Bernays. A lui l’intuizione di aver ideato il primo flash mob della storia: chiamò[…]

Read more
L’online non ha celebrato i funerali della carta stampata

L’online non ha celebrato i funerali della carta stampata. E non lo farà.

«Se la storia del libro ci insegna qualcosa, è che i nuovi media non rimpiazzano quelli precedenti». Basterebbe questa semplice dichiarazione dello storico Robert Darnton a spazzare via ogni dubbio di fronte alla profezia di Philip Meyer nella sua più famosa opera “The vanishing newspaper” : «Il primo trimestre del 2043 sarà il momento in cui l’ultimo, esausto lettore getterà via l’ultimo, raggrinzito quotidiano». Eppure il dibattito resta aperto da anni, a smentire l’una o l’altra tesi e senza mai arrivare a una definitiva e convincente risposta. Ha provato a mettere un punto  il confronto organizzato a Torino dalla Stampa in occasione[…]

Read more
Stare sul pezzo

Manuale del comunicatore: stare sul pezzo

Una dichiarazione, un comunicato stampa, un articolo, un’intervista, perfino una pubblicità o un discorso politico non nascono certo a caso. Sono figli di una delle espressioni più pronunciate nel mondo della comunicazione: “stare sul pezzo”. Stare sul pezzo non vuol dire conoscere una notizia, o almeno non solo. Significa tenersi informati; sapere esattamente chi o che cosa l’ha generata, l’antefatto e gli sviluppi, tutte le reazioni, i retroscena, curiosità e “degenerazioni”; conoscerne le interpretazioni e i commenti scatenati su Facebook e Twitter, seguire il dibattito che si sviluppa intorno a essa in TV e sui giornali, sulla stampa italiana e,[…]

Read more